Young Staff

Benedetti Silvia

Benedetti Silvia

Ceccon Vanessa

Ceccon Vanessa

Chiozza Giulia

Chiozza Giulia

Elisabeth White

Elisabeth White

Giraldi Gianpiero

Giraldi Gianpiero

Nato e tutt’ora residente a Trieste, posso dire d’averla vissuta in tutte le sue stagioni e in tutte le sue facce, città con un patrimonio naturale, architettonico e  culturale che forse ogni città possiede ma non sempre visibile agli occhi di tutti. Città di mare e città di collina, città di tradizione multietnica che ha trovato nelle attività commerciali del suo porto il massimo splendore principalmente sotto l’impero austro ungarico. E’ proprio su questa realtà che il futuro di questa città dovrebbe orientarsi: gli enormi spazi, a disposizione proprio del porto, danno la possibilità di creare un insieme di progetti e d’imprese che potrebbero valorizzare al massimo questa ricchezza dando, di conseguenza, uno sbocco notevole al futuro non solo della città ma anche di tutte le nuove generazioni. Vorrei quindi prender parte a questo progetto proprio perché sento la necessità di contribuire nel mio piccolo a far rivivere un luogo dimenticato e lasciato alla vista di pochi mentre deve essere un patrimonio comune di tutta la città e di tutti coloro che vogliono far nascere nuovi orizzonti da condividere.
Milovan Cristina

Milovan Cristina

ho vissuto molti anni all'estero, principalmente a Hong Kong, in Canada e in Inghilterra. Laureata in cinema, teatro e televisione all'università di Reading, sono in procinto di presentare una tesi per un master di cinema all'università di Trieste. Essendo la mia città natale, Trieste è sempre stata nel mio cuore e tornarci dopo molti viaggi non mi ha mai deluso. La trovo una città piena di vitalità, iniziativa e bellezza culturale. La posizione geografica della città è motivo di sviluppo, soprattutto dal punto di vista marino. Nell'ultimo anno ho preso parte a molte iniziative culturali della città (che non mancano) e sono contenta di vedere diverse persone pronte a dedicare il loro tempo a questa città e al suo sviluppo. Il progetto del porto vecchio permette di continuare a rinnovare le nostre risorse e soprattutto, avvicinare sempre di più i cittadini alle diverse realtà che offre la nostra città.
Moro Benedetta

Moro Benedetta

Ritengo molto interessante per Trieste questo convegno sul porto e sull'archeologia industriale, perchè la città è nata e si è sviluppata grazie al suo porto, divenendo nell'ottocento il secondo porto per importanza in Europa: noi tutti giovani ci auguriamo che la conoscenza e l'approfondimento sulla realtà portuale di Trieste e sulla splendida architettura del Porto Vecchio sia d'invito e di sprone al restauro e al riutilizzo in sede contemporanea di questa struttura oggi quasi completamente abbandonata, che un tempo era aperta e colloquiante con la città. Recentemente sono stata a Londra e ho potuto notare come gli antichi edifici del porto fluviale lungo il Tamigi siano stati recuperati a nuova vita e costituiscano oggi parte integrante e fruttuosa della vita della capitale inglese.
Percovic Alessia

Percovic Alessia

Stanta Erica

Stanta Erica

uno dei luoghi emblematici della città,serbatoio di storia proiettato al futuro,e per questo perla potenziale nelle mani delle nuove generazioni.La cultura passa per la tradizione e il porto vecchio con un occhio ci ricorda chi eravamo,con l'altro si presta a rispondere alle sfide del nuovo millennio uno dei luoghi emblematici della città,serbatoio di storia proiettato al futuro,e per questo perla potenziale nelle mani delle nuove generazioni.La cultura passa per la tradizione e il porto vecchio con un occhio ci ricorda chi eravamo,con l'altro si presta a rispondere alle sfide del nuovo millennio
Zupin Daniele

Zupin Daniele

Studente iscritto al secondo anno della laurea specialistica in Scienze Aziendali alla facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Trieste. Nato e vissuto a Trieste, sono sempre stato molto attento allo sviluppo della città ed in particolare a quello del porto, suo cuore pulsante. Sono lieto di poter partecipare a tale iniziativa in quanto ritengo molto utile un dibattito serio e costruttivo che possa permettere a Trieste di riappropriarsi di una risorsa che ha pochi eguali nel mondo, quale è il Porto Vecchio. Ritengo interessante una riqualificazione dell’area, per un duplice aspetto; in termini di opportunità economica e di business per quanto riguarda il futuro di una città che ha sempre fatto del porto il suo core-business ed in termini di opportunità culturale per il territorio per quanto concerne la riscoperta della storia di questo motore trainante. Spero dunque in uno sviluppo deciso del Porto Vecchio, che passi anche attraverso la cultura e la conoscenza in modo che la città appaia “di una grazia meno scontrosa”.
Zupin Elia

Zupin Elia

Sono nato a Trieste il 26 agosto 1991. Ho concluso quest’ anno il Liceo Scientifico Galileo Galilei e sono pronto a cogliere tutte le numerose opportunità che questa città ha da offrirmi. Trieste, sotto il dominio asburgico, ha raggiunto il suo momento di splendore in quanto molte risorse sono state investite nello sviluppo del commercio navale; ciò ha permesso alla città di assumere un ruolo importantissimo per l’ economia e per la coesione multietnica della mitteleuropa. Da questo progetto per il rinnovamento e il riutilizzo del Porto Vecchio intravedo una possibilità di crescita culturale ed economica non indifferente; prenderne parte è un dovere di tutti i cittadini a cui sta a cuore questa città. Io voglio esserci.
Eva Vocci

Eva Vocci

Sono Eva Vocci, sono nata a Trieste il 7 Novembre 1987. Mi sono laureata in Economia e Gestione Aziendale lo scorso Ottobre. Sono cresciuta imparando ad apprezzare e ad amare la città in cui vivo da quando sono nata, Trieste. Sono sempre stata molto sensibile ai temi di sviluppo della città e credo che il Progetto che concerne il porto vecchio sia strategico per dare respiro ad una città che proprio con l’istituzione del porto franco si è trasformata nel cuore della mitteleuropa. Trieste è una città di mare, motivo principale del suo sviluppo nella storia, e credo che si debba investire proprio su tale risorsa attraverso un progetto che ne esalti la bellezza e offra nuove iniziative ed opportunità alla città.
Stanta Giulia

Stanta Giulia

porto vecchio,polmone con un enorme potenziale lavorativo e di risorse per le nuove generazioni